201407.16
0

Il rifiuto del debitore di esibire le proprie scritture contabili è comportamento da cui il giudice deve desumere argomenti di prova – in sfavore del debitore medesimo – in ordine alla sussistenza dell’obbligazione

PRINCIPIO: è quanto ha stabilito il Tribunale di Bari sezione Modugno, in un giudizio patrocinato dallo studio Massarelli, con sentenza n. 3156/2014, precisando all’uopo che, nel caso di mancato ottemperamento, da parte del debitore, all’ordinanza di esibizione ex art.210 c.p.c. “il rifiuto costituisce comportamento dal quale il giudice deve desumere argomenti di prova ai sensi dell’art.116 c°2 c.p.c.”.

Stampa questo articolo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *