202110.21
0

π™Œπ™ͺ𝙖𝙣𝙙𝙀 π™žπ™‘ 𝙒π™ͺ𝙩π™ͺ𝙀 π™™π™žπ™«π™šπ™£π™©π™– π™ͺ𝙨π™ͺπ™§π™–π™žπ™€ 𝙖 π™˜π™–π™ͺ𝙨𝙖 π™™π™šπ™‘π™‘π™š 𝙨π™₯π™šπ™¨π™š π™–π™¨π™¨π™žπ™˜π™ͺπ™§π™–π™©π™žπ™«π™š.

Accogliendo i rilievi alla CTU mossi dall’avv. Massarelli, il Tribunale di Bari, con ordinanza del 21/9/2021, ha invitato il CTU a rivedere il suo elaborato, includendo le spese assicurative – sebbene separatamente negoziate – ai fini del vaglio di usurarietΓ  del mutuo. Il perito, infatti, non aveva inizialmente tenuto conto delle suddette spese, sebbene richiestogli dal Giudice, dal momento che non vi era cenno alle stesse nel contratto di mutuo. SennonchΓ¨, a tal fine, quello che rileva Γ¨, per un verso, il collegamento funzionale – inteso in senso ampio – tra il mutuo e le spese assicurative, e per altro verso il fatto che la banca, in fase di trattative, abbia posto il cliente in condizioni di valutare comparativamente, il costo dell’operazione con e senza spese assicurative.

La difesa del mutuatario, a tal fine, ha invocato l’orientamento giurisprudenziale, sia di legittimitΓ  che di merito (Corte d’Appello Milano n. 11/2021, Cass. n. 17466/2020, Trib. Torino del 21.1.2021, Trib. Trapani n. 156/2018) che trova conferma, per altro, in alcune significative pronunce dell’ABF (ABF 2046/2021, ABF 10617/2017, ABF10620/2017) secondo cui, ai fini della valutazione della natura usuraria di un contratto di mutuo, devono essere conteggiate anche le spese di assicurazione sostenute dal debitore per accedere al credito, in conformitΓ  con quanto previsto dall’art. 644 comma 4Β° cpc, sempre che dette spese risultino collegate alla concessione del credito e la banca abbia ottemperato in merito agli obblighi di trasparenza ed informativa. E’ proprio il concetto di β€œcollegamento” alla linea di credito che ha acceso il dibattito dottrinale e giurisprudenziale nell’ultimo periodo. In particolare, come si legge in alcune pronunce dell’ABF β€œΓ¨ consentito al ricorrente assolvere l’onere della prova del collegamento tra polizza e mutuo attraverso presunzioni gravi, precise e concordanti riassumibili nel concorso delle seguenti circostanze:Β  che la polizza abbia funzione di copertura del credito; che vi sia connessione genetica e funzionale tra finanziamento ed assicurazione, nel senso che i due contratti siano stati stipulati contestualmente ed abbiano pari durata; che l’indennizzo sia parametrato al debito residuo”. Si legge, in particolare, in alcune pronunce della ABF che β€œper contrastare il valore probatorio di tali presunzioni… la resistente Γ¨ tenuta a fornire elementi di prova di segno contrario attinenti alla fase di formazione del contratto, in particolare documentando in via alternativa di aver proposto al ricorrente una comparazione dei costi (TAEG) da cui risulti l’offerta delle stesse condizioni di finanziamento con o senza polizza”.

Stampa questo articolo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *