202102.19
0

๐’๐จ๐ฅ๐จ ๐ข๐ฅ ๐œ๐ฅ๐ข๐ž๐ง๐ญ๐ž ๐ฉ๐ฎรฒ ๐ข๐ง๐ฏ๐จ๐œ๐š๐ซ๐ž ๐ฅ๐š ๐ง๐ฎ๐ฅ๐ฅ๐ข๐ญร  ๐๐ž๐ฅ ๐œ๐จ๐ง๐ญ๐ซ๐š๐ญ๐ญ๐จ ๐›๐š๐ง๐œ๐š๐ซ๐ข๐จ


La Corte di Appello di Bari con sentenza del 9 dicembre 2020, accogliendo lโ€™impugnazione formulata dallโ€™avv. Roberto Massarelli, ha chiarito che โ€œin materia di contratti bancari, l’omessa sottoscrizione del documento da parte dell’istituto di credito non determina la nullitร  del contratto per difetto della forma scritta, prevista dall’art. 117, comma 3, d.lgs. n. 385/1993. Il requisito formale, infatti, non deve essere inteso in senso strutturale, bensรฌ funzionale, in quanto posto a garanzia della piรน ampia conoscenza, da parte del cliente, del contratto predisposto dalla banca, la cui mancata sottoscrizione รจ dunque priva di rilievo, in presenza di comportamenti concludenti dell’istituto di credito idonei a dimostrare la sua volontร  di avvalersi di quel contratto (cfr. Cassazione civile sez. I – 29/11/2018, n. 30885). Il difetto di forma scritta del contratto di affidamento avrebbe potuto essere eccepito solo dal cliente, nel cui interesse รจ prescrittaโ€

Sent. n. 2148_2020

Stampa questo articolo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *